Vino nel corso dell’anno

Il lavoro del viticoltore dura tutto l’anno, dal cosiddetto “legare” a marzo fino alla vendemmia in autunno.

Per ottenere un pregiato vino di qualità, il lavoro nei vigneti e nelle cantine vinicole dura tutto l’anno. Un riepilogo sul ritmo annuale di un viticoltore, di mese in mese:

* Gennaio (temperatura media di 0° C):
nelle cantine viene imbottigliato il vino nuovo dell’anno precedente.

* Febbraio (temperatura media di 4° C):
l’anno lavorativo nel vigneto inizia con la potatura delle vigne. Il primo raccolto può avvenire ca. tre anni dopo la piantagione della vite.

* Marzo (temperatura media di 9° C):
i rami delle viti vengono legati e portati in forma, anche i pali di legno e i fili metallici vengono controllati per poter aggiustare eventuali danni.

* Aprile (temperatura media di 12° C):
grazie ai caldi raggi di sole le viti “piangono”: l’acqua viene assorbita dalle radici e portata fino ai germogli.

* Maggio (temperatura media di 16° C):
i germogli si sviluppano e diventano visibili.

* Giugno (temperatura media di 20° C):
i germogli e le foglie superflue vengono tolti, in modo che i germogli selezionati possano crescere meglio. Nel frattempo i vini dell’anno precedente hanno sviluppato la loro piena maturazione e possono essere imbottigliati.

* Luglio (temperatura media di 23° C):
per una vendemmia di grande successo ci vogliono ben 1.900 ore di sole all’anno, qui, nella stupenda area di Caldaro e Termeno.

* Agosto (temperatura media di 22° C):
gli acini dei grappoli d’uva raggiungono le misure di una nocciola, mentre i vitigni a bacca rossa cambiano colore.

* Settembre (temperatura media di 18° C):
la vendemmia può incominciare, le botti vengono pulite e preparate per essere riempite. La raccolta inizia prima nei luoghi bassi, con la vendemmia dell’uva bianca.

* Ottobre (temperatura media di 13° C):
i vitigni a bacca rossa vengono selezionati due o tre volte, per avere un vino pregiato di alta qualità. Con uno speciale impianto, l’uva nera viene separata dallo stelo e il mosto di vino viene messo, secondo la qualità e l’altitudine, nelle diverse botti. L’uva bianca viene invece elaborata assieme allo stelo, ma qui solo il succo stesso della frutta viene usato per la produzione del vino (e non l’uva spezzettata del mosto). Poi viene versato nelle botti e preparato per la fermentazione: è proprio durante questa fase che lo zucchero viene trasformato in alcol.

* Novembre (temperatura media di 6° C):
dopo il processo della fermentazione che dura ca. 6 - 10 giorni, il vino rosso viene separato dai rifiuti come la buccia, i semi ed eventuali steli residui. Da questi cosiddetti “rifiuti” viene prodotto il famoso “Grappa” chiaro, ovvero “Treber”.

* Dicembre (temperatura media di 2° C):
fino a metà gennaio, il vino fermenta nelle botti. Quando il terreno gela, la vigna si riposa fino alla primavera successiva, cioè fino a marzo.

Suggerisci una modifica/correzione

La nostra redazione è sempre impegnata per garantire la massima qualità ed accuratezza delle informazioni che pubblichiamo. Se hai suggerimenti per migliorare questa pagina puoi inviarceli utilizzando il modulo qui sotto. Grazie in anticipo!

Chiudere

Alloggi consigliati

  1. Goldene Traube
    Hotel

    Goldene Traube

  2. Hotel Torgglhof
    Hotel

    Hotel Torgglhof

  3. Das Badl
    Hotel

    Das Badl

  4. Hotel Hasslhof
    Hotel

    Hotel Hasslhof

  5. Parc Hotel am See
    Hotel

    Parc Hotel am See

Suggerimenti ed ulteriori informazioni