Fenomeno naturale Buche di Ghiaccio

Un interessante fenomeno naturale può essere osservato nei pressi di Pianizza di Sopra, nell’area comunale di Appiano.

Ai piedi del Monte Ganda, in un bosco cosparso di frammenti di roccia tra Appiano e Caldaro, si trovano delle rocce di porfido che s’innalzano verso il cielo. Per l’esattezza, sono situati a soli 500 m s.l.m., in un affossamento lungo 200 metri e largo 10 - 50 m, ma avvicinandosi alle rocce, anche durante i mesi più caldi dell’anno, si percepisce una fresca aria che proviene dal loro interno.

Questo fenomeno naturale può essere spiegato con il principio fisico della circolazione dell’aria: l’aria calda entra dalle fessure in alto a questi blocchi di porfido, e si raffredda scendendo verso il basso. Nel punto più basso quindi, l’aria esce dalle Buche di Ghiaccio con una temperatura tra 0 e 9° C, dimostrato sia dalle stalattiti di ghiaccio visibili attorno alle fessure anche in alta stagione, che dalla flora presente in questa zona. Nei pressi delle Buche di Ghiaccio, infatti, fioriscono piante che di solito si trovano a 1.200 m s.l.m. in alta montagna.

L’escursione alle Buche di Ghiaccio (Eislöcher), un biotopo, può prendere inizio sia da Appiano (Eppan) che da Caldaro (Kaltern): a Caldaro, il sentiero n. 15 parte nei pressi di Pianizza di Sopra, ad Appiano invece il percorso, leggermente più lungo, prende inizio dalla piazza centrale di San Michele (n. 7A e 15). Soprattutto d’estate, questo posticino è una meta amata e rinfrescante.

Suggerisci una modifica/correzione

La nostra redazione è sempre impegnata per garantire la massima qualità ed accuratezza delle informazioni che pubblichiamo. Se hai suggerimenti per migliorare questa pagina puoi inviarceli utilizzando il modulo qui sotto. Grazie in anticipo!

Chiudere
Suggerimenti ed ulteriori informazioni